Eresia [bianca]

Una co-produzione Sineglossa e The Grotowski Institute
Con il sostegno di Regione Marche – Assessorato alla Cultura / Amat / Teatri di Vetro

Tutto intorno c’è un vuoto da riempire con immagini combattenti / Pensieri temporanei e precari che si sovrappongono a un’architettura solida / Una chiesa barocca usata per anni come magazzino di carbone / Diventa spazio per una spiritualità completamente laica / Bianche le pieghe dell’origami e quelle degli stucchi della chiesa barocca in cui cui sono seduto / C’è tanto spazio per piegare gli origami a pratica di avvicinamento al mondo / Possiamo immaginare che domani tu torni e ne lasci in questo spazio un altro

È emozionante pensare a uno luogo spirituale e combattente di nuova generazione, e per questo potresti tornare / San Bernardo è stata spogliata di tutte le sue immagini nel corso dei secoli, smontate e dislocate / Qualcuno prima di noi aveva già di sicuro cominciato il lavoro che stiamo portando avanti / Appaiono nuove immagini non dogmatiche. Temporanee e precarie / Le nuove effimere immagini non sono arrendevoli, a loro togliamo l’ideologia e diventano un punto di vista / Anche la purezza è un punto di vista: non esiste cambiamento che non abbia avuto una visione ad ispirarlo

A quel guerriero terrorista santo eroe se ne possono sostituire altri, non cambierebbe il senso complessivo / Perché ogni immagine rimanda a un senso più grande che sborda dai confini delle cornici / Le immagini combattenti sono un pretesto per scavare un fossato tra quello che era e quello che è / Jeanne D’Arc è un pretesto per noi perché tu sia qui ora a diventare Jeanne D’Arc / Spostarsi dalla tradizione più radicata in ciascuno di noi: credere di essere un’identità a tempo indeterminato / Comincio a praticare l’eresia di questo dubbio in me / Cominciare a praticare l’eresia del dubbio identitario quando guardiamo gli altri / Rivoluzionario è non attribuire più a nessuno un’identità dipinta ad olio / Trasformo la materia fisica in un motore di pensiero che avvia all’azione / Il mondo diventa un processo e non un fatto / In questo edificio che era una chiesa e che ora è / Pagina bianca

Dopo le vetrine e le gallerie di Roma, Cracovia e Wroclaw, Sineglossa approda nella Chiesa di San Bernardo, presso il Sas (Studio delle Arti della Stampa, Via Valle 3, Jesi) per abitare uno spazio edificato per scopi di culto e riconvertito dagli artisti ad un luogo di spiritualità laica. Le immagini dei santi che occupavano le pareti, nei secoli staccate e dislocate, vengono restituite in nuove forme precarie, fatte della stessa pasta del mondo in cui viviamo. Smantellate le figure “dipinte ad olio”, che hanno accompagnato per secoli le comunità riunite nei momenti di contemplazione, emergono effimere apparizioni che raccontano le forme di una nuova generazione, che cerca comunità di appartenenza per agire e rifiuta figure di eroi distanti dal proprio vissuto.

L'artista

Sineglossa nasce nel 2006 da un gruppo di artisti italiani provenienti da differenti background. Realizza Camera Verde (2006) – Menzione speciale Premio Iceberg (Bologna), Pleura (2007), Pneuma (2008) – Menzione speciale Silent Art Movies (Aosta) e vincitore di Germinazioni (Perugia), UNdo (2009) – vincitore del progetto Nuove Creatività (ETI – Ente Teatrale Italiano) e Remember me (2009) – menzione speciale Premio Vertigine (Roma), selezione Anticorpi Explo2010 ed E-mix Label 2013. Il nuovo progetto pluriennale, Eresia-Visioni non dogmatiche del mondo è stato co-prodotto nella prima esposizione da Chantiers Temps D’Images / Romaeuropa Festival. Ha presentato i suoi lavori in Festival nazionali e internazionali di teatro e arte contemporanea. Al momento, Sineglossa è in residenza creativa permanente, per il quinquennio 2011-2016, presso il Grotowski Institue di Wroclaw (PL) e  fa parte della piattaforma Matilde.

Programma

dalle 17.00
alle 21.00
Videoinstallazione in loop
Intervento sul film La Passion de Jeanne D’Arc di C.T. Dreyer
Ideazione: Federico Bomba e Luca Poncetta
Performer: Simona Sala
Realizzazione: Luca Poncetta
Suono: Silvio Marino
dalle 19.30
alle 21.00
Performance + Videoinstallazione
Con: Simona Sala
Immagini e luci: Luca Poncetta
Suono: Silvio Marino
Scenografia: Simone Alessandrini
Costumi: Valentina Sanna
Regia: Federico Bomba
  • Quando

    1-4 Maggio 2013 / Anteprima JES!

    Dove
     

    Ingrandisci la mappa

    Chiesa di San Bernardo
    SAS (Studio per le Arti della Stampa)
    Via Valle 3 - 60035 Jesi (AN)
    0731.64272

    Ingresso

    Gratuito