Sconfinamenti #1

Messaggi d’oltre confine:
Nicola Alessandrini, Lorenzo Bartolucci, Fidia Falaschetti

a cura di Simona Cardinali


Sabato 26 aprile per Jes! is a Remarcheble Day alle 18.45 si inaugura la prima di tre esposizioni d’arte a Palazzo Santoni, incentrate sull’atto creativo e la sua capacità di sconfinare.

Una delle prerogative dell’arte è comunicare ma la comunicazione non è di per sé creativa. Lo sconfinamento della comunicazione in arte motiva la scelta dei tre artisti, tutti con lo stesso background (le Marche) pronti a confrontarsi con i propri confini da abbattere o da tracciare. Tre specifiche identità con un messaggio da lanciare ed un personalissimo stile. Quello che li accomuna? Avere qualcosa da dire. Non è poi così scontato. Un messaggio di cui si vedono le voci, i rumori e si sentono i colori, i materiali. Nicola Alessandrini si accosta con profondo silenzio (più potente di qualsiasi eloquenza!) al confine viscerale tra bambino e adulto, Lorenzo Bartolucci si diverte intelligentemente con i confini del proprio corpo (parti del suo corpo verranno sacrificate!) mentre Fidia Falaschetti si concentra su veri e propri confini geografici (lui, che quei confini li ha svalicati!) per tirare fuori, con geniale ironia, personaggi irriverenti pronti a gridarci contro e per l’occasione… Dante, scappato oltre oceano ritorna in patria. (SIMONA CARDINALI)
 
Gli artisti

Nicola Alessandrini
Anno ’77, frequenta la scuola materna di fianco al mattatoio comunale che, all’epoca, mescolava alle grida dei bambini nell’ora di ricreazione le grida degli animali al macello. Poi frequenta l’Accademia di Belle Arti di Macerata e fa un sacco di mostre in giro per il mondo, ma questo è meno importante.
Lorenzo Bartolucci
Anno ’79 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Macerata. Debutta nel mondo dell’arte contemporanea con diverse mostre tra le quali ricordiamo il festival di arte contemporanea urbana POP-UP ad Ancona, ARTIKA a Recanati, MARE MOSTRUM (festival Adriatico – Mediterraneo).
Fidia Falaschetti
Anno ’77 si diploma tra l’Accademia di Belle Arti di Macerata e quella di Firenze. Lavora per anni come visual designer ma dopo importanti esperienze di viaggio si converte totalmente all’arte contemporanea sperimentandone anche l’insegnamento. E’ rappresentato da diverse gallerie all’estero. Attualmente vive a Los Angeles.

La curatrice

Simona Cardinali
anno ’77 si laurea al DAMS di Bologna e continua la sua formazione alla Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell’Università di Macerata. Dal 2006 collabora con la Pinacoteca Civica di Jesi occupandosi di didattica e arte contemporanea. Ama i gatti.

  Quando

Da sabato 26 aprile a lunedì 5 maggio (1 maggio CHIUSO)
Dal lunedì al venerdì h 16.00-20.00
Sabato e domenica h 17.30-20.00
Ingresso libero

  Dove

  Ingrandisci la mappa

Palazzo Santoni
Vicolo Ripanti 5 - 60035 Jesi (AN)